Kiss me hard before you go

Ebbene.

Bentrovati a tutti voi uno e mezzo che mi state leggendo. Scusate l’assenza, dicono che la continuità e l’attenzione siano segno di affezione. Nel mio caso sarebbero sintomatiche di una brutta influenza, o di sdoppiamento della personalità; insomma, per chi mi conosce già e per chi ha imparato a conoscermi, niente di nuovo sotto il sole.

Riemergo da un periodo di over-overbooking cominciato il 15 maggio e ancora in chiusura a coda di topo, nell’attesa di iniziare una nuova, terrorizzante avventura dietro una cattedra alle scuole medie. Ho detto scuole medie. Pregate forte. Comunque sia, quest’estate ne sono successe davvero tante. Credo di aver vissuto più vita in questi tre mesi che in tutto il resto del 2014. Cose belle e cose faticose, alcune abbastanza spaventose, altre più che altro fastidiose, e una lunga serie di aggettivi in -ose con la quale sarei seriamente tentata di deliziarvi, ma no.

Non dimentica dell’aura didattica che ho cercato di dare a questo blog nel corso del suo quasi primo anno di vita, vi segnalo quanto segue:

Malta is the new Bronx. Intanto per cominciare, l’accento del 90% degli isolani, che nonostante parlino come Luigi di SuperMario ti prendono pure per i fondelli perché you Italians have a very stupid accent. E A soreta non ce lo mettiamo?

– I maltesi dimostrano 35 anni in più della loro età effettiva. E ti urlano in faccia sempre e a prescindere, motto nazionale: meglio chiedere scusa che chiedere permesso (l’ho sentito dire da almeno sei persone diverse, giuro). Meno male che Malta è piccola e sono pochi.

– Le vacanze studio con i ragazzi sono tanto belle. Malta a giugno è splendida, e New York ad agosto idem. Tuttavia, almeno in paesi in cui l’alcool viene servito a piccoli teppistelli di età inferiore ai 20 anni, vi consiglio di partire ben assicurati e con una buona dose di antiemetici in borsa.

– Non girate da sole a Paceville. Nemmeno per telefonare al pisquano che è rimasto indietro per la città. A meno che non abbiate piacere che la gente si appropinqui per chiedervi nel dettaglio il listino delle vostre prestazioni sessuali mentre voi state pensando nella vostra mente St Julian delenda est.

Malta

***

– Se andate negli States, portatevi l’acqua da casa, almeno una bottiglietta vuota che possiate riempire nelle migliaia di fontanelle sparse in giro. Una bottiglia di acqua naturale costa 4$. Una di Coca-Cola 1.5. Michelle Obama, mi leggi?

– Se andate negli States, anche se è agosto, portatevi da casa sciarpa e guanti per sicurezza. In America c’è carenza di concetto di “misura dell’aria condizionata”, oppure gli piace giocare a “Dieci piccole differenze” con la Groenlandia, ancora non ho capito bene.

– Se andate negli States fatevi le prove allergiche anche per le noci di macadamia di Giove, così non fate la figura di merda della Pocahontas de noartri che atterra nella land of the free e muore sfiatata dal polline di vai a sapere quale quercia. Perdonami Cristoforo Colombo, ho fallito.

Lomogram_2014-07-21_02-51-29-PM

***

– Il film di Divergent è bellissimo, sono andata in mega fissa, ma non leggete mai il libro tradotto in italiano. Senza offesa caro/a collega, ma sembra scritto da Federico Moccia a quattro mani con Melissa P. (e l’originale non era così, controllato).

kate-winslet-divergent

***

– Le notule parziali di pagamento sono la cosa più bella del mondo. Fanno tanto professionale, e fungono un po’da vaselina quando il cliente incosciente ti chiede 50 cartelle urgenti per due giorni dopo senza sapere a cosa sta andando incontro *risata malefica*.

Maleficent-Movie-GIFs

***

Quando si è innamorati si traduce di merda. Questo la dice lunga sull’antica domanda che posi a Ilide Carmignani, e sulla correttezza della sua risposta.

giphy

***

– Portatevi pure del Bygon per rifare la messa in piega allo steward di AirFrance che vi aspetta fuori dal bagno per ammonirvi: “Madame, questo è il bagno della prima classe e lei è in economy”. Anche se fa tanto Titanic (o forse proprio perché fa tanto Titanic), siete legalmente autorizzati a rispondere alla maltese -cfr. pt. 2- (peraltro, nei bagni di prima classe hanno struccante e tonico di Clarins, just sayin’). Bonjour la baguette.

giphy-2

***

– Vedere le proprie traduzioni stampate in pannelli di 3×1 m fa un certo effetto. Magica Clippy ha pianto, tipo. Poi però andatevene veloci dalla mostra, prima che il vostro grillo parlante correttore di bozze vi faccia passare in sovrimpressione tutte le alternative migliori alla vostra stessa traduzione, provocandovi crisi asmatiche e brividi freddi.

tumblr_inline_n7xp2e0vh31r4s9ce

Beh insomma. L’estate qua in Romagna è finita da un bel pezzo (con mia somma gioia), quindi non potendovi augurare buone vacanze, vi auguro uno splendido ri-inizio. E lo auguro anche a me stessa.
A presto

Wendy

5 thoughts on “Kiss me hard before you go

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s