Dieci piccoli PM

Probabilmente mi gioco la carriera a scrivere una cosa del genere, ma sto raccogliendo talmente tanto materiale umano che se non do subito sfogo all’ispirazione mi viene un altro ematoma interno alle dita. Peraltro, succede solo a me di finire la giornata con le dita livide e rachitiche, o è un danno diffuso? Qualcuno mi aiuti.
DISCLAIMER: questo post è espressamente dedicato alle mie Terry e Maggie preferite, con le mie più infinite scuse per le sgobbate che ho procurato loro.

1. PM = Povero Martire

A questa categoria appartengono quelle donne (sempre per il discorso dell’irrilevante percentuale maschile di questo settore, che peraltro in questa particolare funzione sarebbe invece una benedizione) che fanno da cuscinetto alle sclero di tutti. Botte in agenzia, botte dai clienti, rincorsa disperata del traduttore di islandese che se ne è andato in vacanza a Bora-Bora lasciando al gatto il computer con dentro le centotredici cartelle da consegnare per la settimana scorsa, freelance che una volta fanno fuoco e fiamme e l’altra volta meriterebbero fuoco e fiamme, ormoni impazziti in ogni dove da sedare con stoica sopportazione. Nell’iconografia tradizionale vengono raffigurati aureolati e con la palma in mano.

Martiri

***

2. PM = Piccolo Maledetto

Tu gliel’hai detto, che consegni il 30. C’è un ordine di acquisto che vincola loro e te, e tu pensi che sia abbastanza, visto che hai già più volte buttato in vacca la tua salute pur di non mancare le deadlines a te assegnate. Non è quindi chiaro cosa voglia dalla tua esistenza questa specie di blatta che, dopo cinque (5) ore dall’assegnazione della traduzione, ti scrive numero tredici email e un numero impressionante di messaggi Skype per chiederti la consegna della parte fin dove sei arrivata, cosa che a contratto, ad esempio, non c’era da nessuna parte. E per toglierti il lavoro per mancata risposta. Per poi riassegnartelo appena le scrivi un enorme VAFFANC*LO in technicolor. Posto che Skype ha rovinato i rapporti professionali, a mio modestissimo parere, fatti una tisanina di curaro e vatti a letto, bella mia.

Comme des Fuckdown

***

3. PM = Porca Miseria!

La Porca Miseria! ti manda la traduzione, poi si accorge che l’originale contiene un numero di errori tendente a infinito, e oh porca miseria! ti rimanda il file corretto. In centododicimila copie diverse, una per ogni typo. Alla Porca Miseria! è impossibile non affezionarsi, visto che alla fine, per la strana alchimia per cui “il nemico del mio nemico è mio amico”, ci si allea contro l’autore del testo originale, bersaglio del comune odio. Ti verrebbe anche voglia di invitarla a bere una cosa, se solo non abitasse a 800 km da te in linea d’aria. Pazienza.

oh shit

***

4. PM = Poche Malette

“Salve. Questa è la Sua traduzione. Rimandi in copia a questo indirizzo, formato modificabile. Un saluto”.
Inspiegabilmente, la PM di questa categoria te la immagini sempre con la faccia di Vladimir Putin. Rotoballe all’orizzonte e brividi di freddo.

Putin

***

5. PM: Pesantezza Morale

Quella che ti fa pesare ogni momento l’importanza del progetto, del cliente, della data di scadenza, della data del suo compleanno, della scadenza del latte, della scadenza del cliente, del compleanno del cliente, del cliente del progetto.
Grazie cuore, tu sì che sai come evitarmi lo stress da palcoscenico.

hysterical1

***

6. PM = Pija Male

Non si sa quale momento di karma avverso l’abbia colpita quella mattina, ma è incazzato financo il prestampato dell’ordine di acquisto che ti manda. Quando scrive “Tono da usare: whatever the traslators finds more suitable”, autocompleti mentalmente “se ne hai il coraggio”. E la paura di trovartela sotto casa con una lupara caricata a sale grosso è tanta che decidi che NO, non ne hai il coraggio.

Double dare you

***

7. PM = Puoi Morire?

Ti prenotano per il weekend, ti caricano online 5 files, e al secondo spariscono tutti perché “stanno facendo la revisione qualità”. Scompaiono per il resto del weekend, e a te viene la morte ad ogni spam che ricevi, temendo siano loro con la scure del boia in mano. Ricompaiono a metà della settimana dopo, hanno cambiato quattordici codici agli ordini di acquisto e ti chiedono dov’è il resto della traduzione, mentre tu ti chiedi quanto riapriranno la caccia a simili improbabili soggetti.

spongebob_and_patrick_angry_wallpaper_4000x2890

***

8. PM = Performance Magistrale

Non ti cagano. Ti parlano solo per prestampati e saluti pre-impostati da Gmail. Dopo quasi un anno di collaborazione chiedi come sta andando, se hanno un feedback per te, se ci sono stati problemi con i tuoi lavori. Ti mandano un allegato con un altro saluto pre-impostato di Gmail, con una valutazione altissima e mille complimenti (certo non loro), e tu cominci a capire che vita di merda debbano aver condotto i sacerdoti dell’Oracolo di Delfi. Però ti schiacci anche un cinque da sola.

tumblr_lrqosu8iSk1qltt8q

***

9. PM = Professoressa McGranitt

Quella che rimprovera. Che ti manda il listino dei tuoi peccati e non ha intenzione di ascoltare possibili spiegazioni, se hai interpellato Barack Obama in persona nella tua ultima traduzione sulle relazioni internazionali USA-Burkina Faso. Hai sbagliato tu, ha sbagliato lui, hanno sbagliato tutti, e non ha certo paura di mettere un 3- anche all’Onnipotente con la sua penna rossa, se serve.
Meno 10 punti a Grifondoro.

Obama

***

10. PM = Panico Mortale

E qui alzo la mano. Quando tocca a me fare da PM, fra le TANTE cose che si capiscono come un’epifania annovero anche il fatto che evidentemente, fare il/la PM non è per tutti. Correre dietro alle manfrine di un’intera squadra è un’impresa umanamente oltre il confine delle mie abilità. Faccio già fatica a dividere la giornata in maniera più o meno organica fra sonno e veglia, figurarsi gestire lavori di altri, controllare le loro tempistiche, fare pressing per farmi ridare le traduzioni e successivamente ripartirle in revisione. No possible way.

tumblr_inline_mn80oov9nh1qz4rgp

Quindi grazie, piccoli, grandi rompiballe puntigliosi che date un senso al nostro vaneggiare. A qualunque categoria apparteniate, diciamocelo, senza di voi non combineremmo proprio un accidenti.

Wendy

One thought on “Dieci piccoli PM

  1. Con la .gif di Pesantezza Morale mi avevi quasi perso. Performance Magistrale ha chiaramente rimesso in tutto in gioco

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s