Xanax-orium – Seconda Parte: I Dizionari Online

Una tipica immagine Wendy mentre scrive su questo blog. #macerto

La vita di un traduttore può apparire a tratti frustrante. Un tempo ho avuto amici che alternatamente deridevano il mio lavoro da casa e poi si stracciavano le vesti perché faccio orari sregolati e “alla tua età dovresti pensare a trovarti un ordine di vita, un marito, un posto fisso da qualche parte invece che vivere come una poetessa bohémienne in simbiosi con la bottiglia di assenzio” (che nel mio caso era caffè). gif_absintheGli ignoranti sono solo una parte del mestiere, che come tutte le altre bisogna imparare a gestire. Ma per evitare che su questo post scorrano litri di succhi gastrici (miei) e sangue (altrui), oggi voglio innalzare al cielo il mio lamento riguardo a un aspetto meno pesante ma altrettanto fastidioso della traduzione.
Che fortunatamente riguarda oggetti (il più delle volte) inanimati, come i dizionari. Personalmente ho sempre avuto un grandissimo feeling con i cartacei, ma da quando la mia cervicale ha deciso di avere un grandissimo feeling con me e da quando internet si è evoluto a sufficienza ho cominciato ad apprezzare le varie versioni online. Parlo come un triceratopo, ma in verità non è successo tanti anni fa. Prima di trovare i vari Garzanti, Zanichelli e Hoepli alla loro pagina www corrispondente, esistevano i CD-Rom, che però erano parte integrante delle ottanta sberle di euro che costava il tomazzo di carta. Il fastidio, dunque, non riguarda il plumbeo peso del dizionario in sé. È al momento della consultazione che le cose si complicano.

***

Il dizionario di carta era piuttosto intuitivo, come strumento: aprivi, cercavi, chiudevi. Quelli online si complicano già in questo passaggio. La barra di ricerca, ad esempio. Un mistero della fede paragonabile forse a quello dei pulsanti “lemma casuale” (giuro li ho trovati). Ma seriamente, esiste qualcuno che gioca a Gira la Ruota con i dizionari di spagnolo su internet? Cioè, Dio ha distribuito libero arbitrio fino a questo punto? Ma comunque, trovi la barra spaziatrice dopo aver chiamato una squadra cinofila e i Predatori dell’Arca Perduta, piazzi il cursore e cominci a scrivere. Solo che la parola esempio non se ne va, e il dizionario ti risponde “non ho trovato es.dogcortisone”. Parte una zuffa con il mouse, e ad ogni clic si apre un nuovo risultato di ricerca. Non ho trovato es. –  Inserire parola qui – Dog = cane. Alla fine sbatti il mouse contro il muro e ti butti sul Benzodiazepam, sperando di trovare la chiave di lettura di questo codice da spie nel sonno chimico che ti autoinduci.

indiana-jones-popcorn-reaction-gif

***


Esistono dizionari allucinogeni. Sono quelli disegnati da Agatha Ruiz de la Prada, talmente colorati che quando finisci di lavorare non puoi guidare per almeno tre ore perché non riconosci più nemmeno le luci del semaforo.

hypnotoad

***

Alcuni dizionari online somigliano come principio al catalogo Ikea o alla Fata Madrina: “Ti faccio vedere su tutti i lati della pagina qualunque cosa tu abbia sempre desiderato, o almeno che tu abbia desiderato nell’ultima settimana, quindi ricordati che io ti spio i cookies e so se vuoi conoscere single nella tua zona, porcellino”.

Cinderella-Fairy-Godmother-GIF

***

Ci sono i dizionari della nobiltà. Quelli che se sei un vozzo tvaduttove qualunque non ti fanno accedere al lemma.
Constitucion non so neanche cosa voglia dire, ma proprio non ho mai sentito questa parola in ventun secoli di storia, cosa ti viene in mente. Constituciòn madre del cielo che stregoneria è mai questa. Constitución: 1. Acción y efecto de constituir. 2.Esencia y calidades de una cosa que la constituyen como es y la diferencian de las demás 3. Forma o sistema de gobierno que tiene cada Estado“. Minchia e straminchia.

sensualita_a_corte_main_image_object

***

Poi ci sono quelli dirigisti e dittatoriali, quelli che ti ricordano ad ogni consultazione che in Inglese-Italiano puoi tradurre, in Italiano-Inglese no, che poi è antitetico e i tuoi colleghi puritani fanno i matti. Oppure perché Inglese viene prima di Italiano, non si sa, fatto sta che qualunque cosa tu stia traducendo, lui torna d’ufficio alla combinazione passiva. Apple non esiste nel dizionario italiano. Incredibile.

20060814174646

***

Per non parlare dei dizionari di nicchia, quelli delle lingue minuscole o ancora parzialmente esplorate da noi testoni conservatori del Vecchio Mondo.

I dizionari di giapponese somigliano alla copertina di Cioètutti colorati e in Comic Sans. Ti chiedono i caratteri, quelli che ti pare, proprio, che so che sei scemo quindi se anche vuoi mettermi il katakana fai pure, la fatica la faccio io che del resto sarò colorato come un pacchetto di Smarties, ma sempre giapponese sono. 

1260758254474_f

Il dizionario di euskera invece ha i sensi di colpa. Lo sa che è un mezzo miracolo che ci sia qualcuno che lo consulta, lui lo sa, quindi si prende il suo tempo per spiegarti per filo e per segno tutti i significati ipo- e iperonimici esistenti nell’universo e le regole grammaticali collegate fino alla terza generazione. si dice eta, ma già che sei qui ti spiego l’evoluzione storica nella Navarra francese di questo pregiato termine della nostra lingua pre-riforma…

tumblr_lgh7uydipU1qfyncko1_500

***

Insomma, è un po’ una giungla, e ogni tanto la parolaccia vola. Sono nostalgica e decisamente controtendenza (e la mia cervicale ci tiene a precisare che non parlo a nome suo), ma un po’ mi manca il mega tomo, con quel suo odore di carta velina plastificata e colla per copertine. Sicuramente rompevano di meno le scatole.
E gli unici cookies che ci trovavi dentro erano quelli dell’ultima pausa tè che ci avevi fatto sopra mentre lavoravi.

Wendy

2 thoughts on “Xanax-orium – Seconda Parte: I Dizionari Online

  1. E con la chiusa nostalgica (che condivido molto) cade a pennello “ehi compare, vuoi compraaare una meridiaaaana?”

    P.S.: a volte mi manca tanto persino il Castiglioni-Mariotti del liceo…!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s