I Fatti della Settimana – 2

1. Da un’attenta analisi sociologica svolta su questo blog, risulta che vengo presa sul serio più quando dico idiozie che quando provo a fare la persona perbene. Non ho ancora deciso se questo faccia di me una scrittrice fallita o un pagliaccio di successo, e in quale dei due casi dovrei sentirmi meno offesa.

2. Sono riuscita ad aggiudicarmi un posto nel gruppo di acquisto di SDL Studio 2014. Medaglia di bronzo. Stante l’impressionante velocità di click che ho sfoderato per piazzarmi sul terzo gradino del podio, vorrei conoscere i due Ernesto Sparalesto che sono arrivati prima di me e far controllare le cartilagini delle loro falangi a un’equipe dell’Area 51.

enhanced-buzz-3071-1364493736-72. È morto Nelson Mandela. Ho condiviso una sua frase, che ora ricondividerò, perché è vera e perché non temo il palato sopraffino degli hipster che fanno notare che i social si riempiono sempre di frasi e citazioni dei personaggi famosi, ogni volta che ne muore uno. Sappiate che il puntiglio “è pieno di post su Paul Walker/Nelson Mandela/[inserire nome di VIP deceduto]is so mainstream. Io personalmente sono più del parere che se di qualcuno conosci le battaglie e i loro frutti, e vedi i figli che hanno generato, non sia necessario averci condiviso il pianerottolo per trent’anni per provare gratitudine, questo sentimento sempre di moda ma sempre troppo poco usato. In tale senso, noi ispanisti siamo fortunati, visto che conosciamo nella nostra carne il significato del termine añoranza (a mio avviso intraducibile). Quindi Grazie Madiba. E non solo a te.

4. Al dodicesimo torinese che alla domanda “Sei di Torino?” mi ha risposto “Sì, ma mia nonna era pugliese/la mia famiglia sette generazioni fa abitava in Sicilia/Io ho una zia, una zia che sta a Forlì che quando va a ballare col sedere fa così”, ho capito che i torinesi si vergognano di essere torinesi. Non so se è per evitare il falsi e cortesi che gli si appioppa così facilmente, comunque sia, amici miei, quando tirate fuori cugini di n-esimo grado e mummie di trisavoli fate un effetto piuttosto strano. Anche perché pugliese o forlivese fa comunque rima, datevi pace.

5. Avendo seri problemi a sfogare la mia Wendy Syndrome in questo periodo, oggi mi sono data al mio nuovo OCD (Disturbo Ossessivo-Compulsivo). Con Magica Clippy si ragionava del fatto che a me servirebbe più una forte dose di alcool che una forte dose di testosterone, in questo momento. Ma per preservare le cellule epatiche, ho deciso di mettere a repentaglio quelle neuronali. E questo è il risultato.

Lomogram_2013-12-06_10-07-54-PM

Pian pianino si fa tutto.
Fatte queste mi fermo, giuro.

Motivatore della settimana:

sometimes_its_the_only_thing_to_do_7150592380

E questa invece è per te, Navarre. Ti vedo.

Lomogram_2013-12-06_10-10-40-PM-1

La versione pop di ‘When the angel woos the clay’ sul mio futuro quaderno di Svedese.


Wendy

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s